Chiudi il banner
Questo sito utilizza esclusivamente cookie analytics e tecnici.

Ai sensi del provvedimento n. 229 dell'8 maggio 2014 del Garante della Protezione dei Dati Personali per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti (art. 13 del Codice privacy).

Per maggiori informazioni consulta  l'informativa estesa.

Raddoppiare il fatturato grazie all’omni-channel: il buon esempio di chi sta reagendo con successo all’impatto del Coronavirus

Il lockdown da COVID19 non è stato uguale per tutte le realtà del Fashion. Se da un lato c’è chi ha accusato il colpo, dall’altro le aziende più innovative hanno saputo cogliere una grande opportunità.

Analizzando a mente fredda e dati alla mano le conseguenze della pandemia sul settore Moda, vediamo come adottare un’adeguata strategia omni-channel sia la risposta vincente.

Una primavera tra alti e bassi

Come già abbiamo potuto vedere nel nostro precedente approfondimento, il periodo di picco del lockdown da COVID19 ha evidenziato uno scenario agrodolce per il mondo del Fashion & Luxury. Se dai dati a livello globale passiamo all’analisi di casi concreti, notiamo come tale situazione venga confermata.

Il mercato nordamericano, ad esempio, ha registrato alcune vittime inaspettate. La catena di grandi magazzini del Luxury Neiman Marcus, importante retailer statunitense, ha dichiarato bancarotta a inizio maggio. Sempre negli USA, nello stesso periodo, il colosso Nordstrom è stato costretto a chiudere i suoi negozi specializzati nel brand di lusso Jeffrey.

Sorride invece sul fronte online il famosissimo E-commerce della Luxury Fashion Farfetch. A dimostrazione di come tener conto del Digital sia ormai imprescindibile, la piattaforma ha registrato un incredibile + 90% nei ricavi nei primi tre mesi del 2020, sfiorando così un sorprendente raddoppio del proprio fatturato.

Esempi virtuosi e strategie di successo

L’E-commerce fondato da José Neves, comunque, non rappresenta affatto una mosca bianca in questo periodo così complesso. Sono infatti numerosi i gruppi della Moda e del Lusso che stanno già operando secondo una strategia realmente omni-channel.

La bancarotta del retailer texano JCPenney potrebbe trasformarsi nell’ennesima grande opportunità per Amazon. Il gigante di Jeff Bezos ha infatti messo gli occhi su questa catena, per trasformare i suoi store in punti vendita al dettaglio hi-tech, rafforzandosi così nell’abbigliamento e seguendo un’ottica multi-canale.

Grandi gruppi come Aldo e H&M hanno già annunciato riorganizzazioni e ampliamenti dei propri raggi d’azione virtuali, forti dei risultati positivi dei loro segmenti E-commerce, in forte crescita nonostante il momento di crisi. Emblematico è poi il caso di Intimissimi, che giusto pochi giorni fa ha lanciato il progetto “O2O - Online to Offline”, mirando a un processo d’acquisto fluido e rapido e facendo del ricorso all’omni-channel un vero e proprio manifesto.

Per un futuro realmente multi-canale

L’attuale congiuntura economica ci mostra insomma come rafforzare la propria dimensione online, integrandola sempre di più con i servizi in store, rappresenti a questo punto un obbligo. I brand di Moda devono necessariamente integrare i diversi canali di vendita in base a una prospettiva omni-channel, se vogliono superare non solo la sfida imposta dal COVID, ma anche quelle che si presenteranno in futuro.

Da sempre focalizzata sull’innovazione tecnologica e ispirata a una visione multi-canale, Bizeta è la guida perfetta per affrontare con determinazione il passaggio al Digital di ogni realtà del Fashion & Luxury internazionale.