Chiudi il banner
Questo sito utilizza esclusivamente cookie analytics e tecnici.

Ai sensi del provvedimento n. 229 dell'8 maggio 2014 del Garante della Protezione dei Dati Personali per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti (art. 13 del Codice privacy).

Per maggiori informazioni consulta  l'informativa estesa.

Nuovi store multisensoriali: il Retailtainment

​​​​​​​ L’importanza di questo nuovo fenomeno nel Retail Marketing

Che cosa significa Retailtainment?

 

Retailtainment è un termine formato da due parole: retail, vendita al dettaglio, ed entertainment, intrattenimento.

È un approccio strategico che mira a mixare l’esperienza d’acquisto con servizi destinati all’intrattenimento del cliente. Un’esperienza progettata per offrire un prodotto al cliente, ma allo stesso tempo offrire anche un divertimento

In questo modo le esperienze di acquisto vanno oltre il semplice atto di acquisto in sé, arrivano ad essere delle vere e proprie esperienze di intrattenimento e divertimento a 360 gradi.

 

Perché il Retailtainment?

 

Recenti studi hanno dimostrato che le persone sono più favorevoli a quei Retail che comprendono al loro interno elementi che vanno oltre alla vendita di un prodotto. Si avvia così una tendenza che sta prendendo piede in tutto il mondo e che si snoda in diverse soluzioni: appaiono punti bar dentro gli store, insieme a ristoranti, zone benessere, spazi per bambini, animazione, e aree per esperienze virtuali.

 

L’offerta di servizi di intrattenimento all’interno dei luoghi d’acquisto è uno dei fenomeni che ha assunto maggior visibilità e maggior funzionalità in questi ultimi anni.

>> Dal punto di vista del consumatore, il fenomeno del Retailtainment aumenta il valore percepito del prodotto e allo stesso tempo rafforza la differenziazione rispetto ai competitors.

>> Per il punto vendita, l’offerta di servizi “edonistici” favorisce l’attrazione e l’interazione col cliente, aumentando allo stesso tempo la brand identity e acquisendo un carattere distintivo, che rimane ben saldo nella memoria del cliente. 

 

La shopping experience diventa così un viaggio attraverso la soddisfazione di bisogni ludici e di svago e lo store diventa un’ibridazione tra gli spazi di vendita e gli spazi destinati al tempo libero. La formula vincente? Ideale sarebbe trovare un giusto equilibrio tra le esperienze attive di interazione con il brand e quelle più passive di acquisto dei vari prodotti.

 

Inoltre è importante ricordare che il Retailtainment è una grande risposta alla concorrenza dell’e-commerce: nell’acquisto online, infatti, l’utente è intrattenuto attraverso due sensi (udito e vista), mentre nell’esperienza d’acquisto in-store il cliente viene intrattenuto attraverso l’uso di tutti e cinque i sensi, affinché possa essere totalmente coinvolto.

 

Esempi di Retailtainment

 

DISNEY 

Il colosso Disney è uno dei maggiori esempi di Retailtainment applicato nei suoi store sparsi per tutto il mondo. 

Il rappresentante Disney Shawn Turner ha affermato: “Bisogna proporre un’esperienza che vada oltre l’acquisto di un giocattolo”, sottolineando la necessità di costruire un viaggio che colpisca il consumatore con attività extra rispetto all’atto di acquisto.

“Bisogna costruire una brand experience che, pur sufficiente di per sé, amplifichi l’esperienza stessa anche dopo aver lasciato il negozio”, ha affermato il direttore creativo Richard Bates, marcando l’aspetto di combinazione tra occasione di shopping e occasione all’uso del prodotto.

 

APPLE

Gli store Apple funzionano per il loro aspetto esperienziale: ad esempio gli utenti possono provare in-store i prodotti prima dell’atto di acquisto. Il successo di questa strategia è dimostrata dal fatto che la Apple riesce a fatturare il ROI per metro quadro più alto di qualsiasi catena di vendita al dettaglio.

 

IKEA

Il colosso svedese ha portato il retailtainment agli estremi, aprendo un ristorante  pop-up do-it-yourself nella zona più trendy di Londra, chiamandolo “The Dining Club”. In questo modo sono stati uniti l’esperienza di shopping con l’esperienza del food. La particolarità? I clienti possono preparare la propria cena autonomamente in cucina, sorvegliati ed aiutati da cuochi esperti, avendo accesso ad uno store multisensoriale che li coinvolge a 360 gradi. 

 

Il futuro è nel Retailtainment: lo store diventa un vero proprio teatro con atmosfere studiate appositamente per offrire un momento di evasione totale ai consumatori.