Chiudi il banner
Questo sito utilizza esclusivamente cookie analytics e tecnici.

Ai sensi del provvedimento n. 229 dell'8 maggio 2014 del Garante della Protezione dei Dati Personali per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti (art. 13 del Codice privacy).

Per maggiori informazioni consulta  l'informativa estesa.

Glossario del modern retail

I nuovi termini che descrivono il cambiamento dell’industria del Retail

Il modern Retail è in continua evoluzione e studia costantemente nuovi format di vendita, con l’uso sempre più avanzato di tecnologie e device, che offrono al cliente un’esperienza di acquisto diversificata. Stanno nascendo così nuove parole, nuovi termini, per indicare i vari elementi che fanno parte del mondo dell’industria del retail.

Di seguito un piccolo glossario per essere pronti ad affrontare la grande “invasione” dell’industria del retail, senza dare nulla per scontato.

 

RETAIL: Il Retail sales, tradotto in italiano con vendita al dettaglio, indica, in ambito commerciale, la vendita di prodotti al consumatore finale. Il retail costituisce l’ultimo passaggio della catena di distribuzione; questo genere di commercio viene anche chiamato B2C (Business to Consumer). 

Il Retailer (venditore al dettaglio) acquista beni o prodotti direttamente dal produttore o dai fornitori, per venderli in piccole quantità al consumatore finale (Customer).

 

CUSTOMER EXPERIENCE: E’ il prodotto dato dall’interazione tra un’organizzazione (in questo caso il punto vendita o l’azienda) ed il cliente finale. La customer experience non riguarda solamente la parte concreta dell’interazione, ma anche come il cliente si sente durante questo processo interattivo. La customer experience non si conclude con la fine dell’interazione col marchio, ma continua anche successivamente, per questo è importante come il cliente “si sente” dopo la sua esperienza in-store.

 

SHOPPING EXPERIENCE: È un’esperienza d’acquisto diversificata, su vari livelli, che può essere resa multicanale e più interessante tramite le nuove tecnologie. I vari devices presenti in-store possono dare informazioni riguardo i prodotti, curiosità riguardo il marchio, il meteo o i film in programma nel cinema più vicino a voi. 

 

CUSTOMER SATISFACTION: Ovvero la soddisfazione del cliente, che deve avere la percezione di aver speso bene il suo tempo e le sue risorse. La soddisfazione è al massimo livello quando la shopping experience supera le aspettative iniziali del cliente. Per questo la customer satisfaction è strettamente legata alla qualità di un prodotto o di un servizio.

 

CUSTOMER JOURNEY: È appunto un viaggio, che il cliente compie dal momento in cui instaura una relazione con un’azienda. Questo viaggio dura nel tempo e nei vari luoghi di incontro (online ed offline). Questo legame azienda-cliente inizia proprio quando il customer capisce di avere una necessità da soddisfare e continua quando sceglie quella determinata impresa/servizio/prodotto, finendo con l’atto di acquisto. 

 

STORE IMAGE: è l’immagine complessiva del punto vendita (che sia online o offline) percepita dal cliente. Questa immagine è data da diversi fattori quali il layout web, il design, i prodotti, i prezzi, l’assortimento, la disposizione ed il comportamento dell’eventuale personale in-store. 

 

BIG DATA: è un termine che indica una raccolta di dati decisamente estesa, che richiede l’utilizzo di particolari tecnologie, per catalogare i dati con precisione e con velocità.
I modern retail utilizzano i big data per appunto raccogliere le informazioni dei clienti e poter così creare offerte e promozioni customizzate (personalizzate), secondo vari criteri di catalogazione.

 

Questi sono solo alcuni dei termini del nuovo vocabolario Retail sempre più in uso. Contattaci per una consulenza personalizzata, sapremo tradurre i nuovi concetti del Retail in soluzioni reali, adatte al tuo business!